Formazione Prematrimoniale

formazione prematrimonialeNei mei incontri con le giovani coppie, conviventi o no, che si apprestano ad affrontare il matrimonio si percorre un itinerario di formazione e si propone inizialmente di facilitare la verifica delle esperienze condotte e delle conoscenze acquisite per decidere se esse sono congruenti con la situazione presente e con i progetti futuri.

E’ un percorso che vuole rendere consapevoli i protagonisti delle loro potenzialità positive ed anche dei propri limiti. Si delinea così una sorta di profilo di coppia che aiuta le stesse a saper cogliere accettare e scegliere le caratteristiche e i limiti dell’altro imparando a saper sorridere dei propri e degli altri difetti. Con questo lavoro i patners fanno esperienza del tipo di dialogo che c’è nella coppia, dei pilastri personali sui quali vogliono costruire la loro nuova realtà, delle attese e delle aspettative di ciascuno dei soggetti.

Il matrimonio è indubbiamente uno dei passi più importanti della nostra vita, mi sento di dire il più importante. Va da sé che il cambiamento che questo comporta è potenzialmente immenso.

Sulla base di questo principio dobbiamo tenere presente che ogni evoluzione può rappresentare in egual misura una ricchezza come un peso, la differenza è insita nella nostra capacità di valorizzare il bagaglio che strada facendo raccogliamo attraverso le nostre esperienze e il modo in cui lo utilizziamo.

La coppia è una casa con due muri portanti e fondamenta solide.

I muri portanti sono:

  • la propria identità personale
  • il sano legame che ci unisce all’altro.

Le fondamenta solide:

  • la continuità della Scelta.

Tutti valori irrinunciabili. Altrimenti la casa crolla.

Il dialogo è ciò che poi protegge la casa dal logoramento del tempo: significa saper parlare, sentirsi liberi ed in dovere di esprimersi, ma sono diritti/doveri comuni, di conseguenza dobbiamo anche saper ascoltare…

E’ doveroso fare tutto quanto è in nostro potere per utilizzare al meglio ogni strumento che ci possa aiutare a fare di questo “cambiamento” la più grande ricchezza da offrire al nostro compagno o alla nostra compagna.