fbpx
la pelle 23 Apr 2020

23 Apr

BY: Anna

Novità

La Pelle: proseguiamo in questo incontro la riflessione sulle connessioni tra mente – corpo – emozioni.

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo, rappresenta un organo di “periferia”, un organo limite. Ma non è solo un organo di superficie; a livello psicosomatico c’è molto di più: è il nostro modo di interagire con ciò
che sta “fuori di noi”.

Abbiamo visto in più occasioni come sia stretta la relazione tra la vita emotiva e la fisiopatologia del corpo umano.

La pelle infatti è contemporaneamente organo di separazione e confine della nostra sfera individuale, ma è anche struttura di comunicazione e relazione con il mondo esterno.

È funzione di contatto tra il sé e l’ambiente che ci circonda.
Infatti il concetto di “IO” si sviluppa proprio a partire dalla nostra pelle.

Quale superficie avvolgente tutto il corpo, la pelle appare sede di cambiamenti somatici correlati a “contenuti” soggettivi di tipo psicologico: rossore, pallore, piloerezione, formicolii, prurito, ecc…ecc. In chiave psicosomatica, dunque, l’analogia Io-pelle rende noto della spiegazione di certi disturbi cutanei, in quanto rappresentazioni analogico- simboliche di situazioni che non riescono ad essere adeguatamente espresse dall’Io.

Numerose condizioni emotive si imprimono ed esprimono dunque su di esso, nei modi, nelle forme e nei colori più svariati.

I disturbi che possono venire a crearsi legati alla pelle vanno letti sotto molteplici punti di vista. La pelle è molto di più che un semplice organo: rappresenta una dimensione dove i nostri modi di essere si legano con il mondo, dove la nostra vita dialoga con l’esterno.

Ecco perché la sfera cutanea va “letta” in più modi, scoprendo cosa significano e come vanno affrontati tutti i disturbi che la possono affliggere.

Se è la pelle l’organo bersaglio di tensioni e stress è meglio “farsela amica” e, anziché combattere i suoi disturbi solo con pomate e farmaci, sarà opportuno imparare a decodificare i suoi segnali.

Relazionarsi con il mondo esterno in modo più naturale è la condizione
indispensabile per guarire dalle malattie cutanee.

Lascia un commento